The Witcher: Nightmare of the Wolf

The Witcher: Nightmare of the Wolf - Kwang Il Han

Film d’animazione spin-off della serie televisiva targata Netflix “The Witcher”, tratto dai racconti di Andrzej Sapkowski, questo “The Witcher: Nightmare of the Wolf” si posiziona cronologicamente molto tempo prima di quanto narrato nelle puntate con attori in carne e ossa.

The Witcher Nightmare of the Wolf

La storia ci fa incontrare il giovane servo Vesemir, che dopo l’incontro con uno strigo, tale Deglan, decide di diventare anche lui un cacciatore di mostri e demoni. Negli anni girando il mondo in cerca di creature da uccidere Vesemir riuscirà ad ottenere le ricchezze che ha sempre voluto da ragazzo, ma a quale prezzo? Ha dovuto rinunciare alla sua natura umana, ma anche all’amore di Illyana, la giovane serva che viveva assieme a lui, che non ha mai dimenticato. Ma dopo quasi settant’anni Vesemir si ritroverà ad affrontare dei nuovi nemici, tra cui Tetra, una giovane strega che vuole a tutti i costi distruggere i Witcher.

“The Witcher: Nightmare of the Wolf” è un anime di pregevole fattura, con animazioni e scenari ben caratterizzati a supporto di una storia piacevole, ma allo stesso tempo non così interessante se preso come racconto a se stante. Il film d’animazione diretto da Kwang Il Han, qui alla sua terza regia, si concentra sopratutto sulla figura di Vesemir e della strega Tetra, lasciando la descrizione del mondo in cui si svolgono gli eventi e tutta la sua mitologia in secondo piano. Questo da un lato è comprensibile visti i poco più che ottanta minuti di durata, ma rende difficile appassionarsi a storia e personaggi. Sopratutto quest’ultimi pagano un salato prezzo sull’altare del carisma proprio a causa della scarsa descrizione di questo microcosmo magico.

Quando sopra scritto decade se invece si conosce la serie televisiva con protagonista Henry Cavill, dato che i riferimenti questa non mancano e il mondo magico in cui è ambientato l’anime ha già una forma nella mente del pubblico. Prodotto da Netflix come ponte tra la prima e seconda stagione del serial, “The Witcher: Nightmare of the Wolf” compie egregiamente il compito d’introdurre la figura di Vesemir e portare sullo schermo il declino dei Witcher. Fruito per come è stato pensato l’anime diretto da Kwang Il Han assume più compattezza e compiutezza, per tutti coloro che non hanno visto la serie tv rimane una visione blanda e trascurabile.

6.4
10
Soddisfacente

In Breve

Fruito per come è stato pensato, come costola della serie televisiva, "The Witcher: Nightmare of the Wolf" assume più compattezza e compiutezza, per tutti coloro che non hanno visto la serie tv rimane una visione blanda e trascurabile.

In Breve

Fruito per come è stato pensato, come costola della serie televisiva, "The Witcher: Nightmare of the Wolf" assume più compattezza e compiutezza, per tutti coloro che non hanno visto la serie tv rimane una visione blanda e trascurabile.
6.4
10
Soddisfacente
don't look up
Successivo
Don’t Look Up

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.