Resident Evil - Saga

Resident Evil - Dal videogame al cinema

La saga cinematografica di “Resident Evil” è ad oggi la trasposizione più riuscita (almeno in termini di incasso al botteghino) di un videogioco. Il primo capitolo pur non riproponendo la stessa storia della controparte digitale, riesce a costruirsi una propria identità. Col proseguire degli episodi la saga cambia più volte registro stilistico. Le prime tre pellicole dirette a da tre diversi cineasti, sono estremamente diverse tra loro, unico punto comune la protagonista. Il primo capitolo ad opera di Paul W.S. Anderson mostra le gesta di un gruppo militare, intento a fuggire da un laboratorio segreto dove è stato rilasciato un virus, che ha come effetto collaterale la trasformazioni di uomini in mostri. Il secondo film invece, trova nel suo regista Alexander Witt, un ex tecnico degli effetti speciali, il giusto “more of the same”. Infatti “Resident Evil: Apocalypse” ricollegandosi alla scena finale del primo capitolo, non fa altro che ingigantire ogni parte che ne decretò il successo (anche se la qualità generale non è che sia proprio il punto forte di “Apocalypse”). Quindi abbiamo più mostri, più personaggi e scontri maggiormente spettacolari. Il terzo episodio invece trasporta la protagonista, Alice, in un futuro distopico che deve molto alla saga di Mad Max. Il regista a questo giro è Russell Mulcahy, che mette la firma su quello che è sicuramente il miglior film dell’intera esalogia. Da questo terzo appuntamento la saga continua ritrovando nuovamente il suo creatore Paul W.S. Anderson, che ormai a ruota libera inventa situazioni e personaggi senza più curarsi della fedeltà al videogioco. Di fatto i film hanno ormai una propria identità basata sulla protagonista Alice, che va detto è un personaggio che nel videogioco non esiste. La saga dal quarto capitolo al sesto si trasforma in un rutilante circo di effetti speciali, riprese per favorire il 3D, ma soprattutto in un inno alla dedizione della sua protagonista: Milla Jovovich. L’attrice ucraina ha indossato per quindici anni le vesti di Alice e questa ha attraversato in maniera trasversale tutti i capitoli. Passando da un regista all’altro, da un episodio quasi “intimo” come il primo, al fracasso incontenibile del sesto, la Jovovich ha lavorato duramente per restituire credibilità alla figura di un anti-eroina come poche se ne sono viste al cinema. Questa è forse la cosa più importante, il vero valore dell’intera saga, la sua inossidabile protagonista. Essa è una figura femminile che negli anni ha riportato alla ribalta la donna d’azione, certo lo fa in pellicole che artisticamente sono sufficienti e nemmeno sempre, ma la fisicità e la presenza scenica dell’attrice sono così potenti da trasformarsi in una motivazione più che valida per vedere questi film. La donna moderna nei film d’azione passa sicuramente attraverso la prova attoriale che Milla Jovovich compie e perfeziona nell’arco di queste sei pellicole. Se c’è quindi una ragione per guardare anche solo un episodio di questa serie cinematografia, va cercata nella sua protagonista.

6.8
Pinresident
Uno sguardo si apre nel cuore della notte all’interno di una villa completamente disabitata. Mentre i ricordi iniziano ad affiorare nella mente di Alice (Milla Jovovich) una squadra di soldati irrompe nelle stanze iniziando a chiedere spiegazioni alla donna su quanto accaduto. Scopriamo che lei è la custode di un...
5.7
PinApocalypse
Seguito diretto del primo capitolo dedicato allo scontro tra l’eroina Alice (Milla Jovovich) e le creature derivanti dal virus “T” prodotto nei laboratori della Umbrella Corp. Questa volta l’azione si sposta dalle strette stanze di un laboratorio sotterraneo, alle strade della cittadina di Raccoon City, ove il virus ha iniziato...
6.6
PinExtinction
Resident Evil: Extinction – Resident Evil ver. 1.5 Terzo capitolo della saga zombesca strappata al mondo dei videogiochi, “Resident Evil Extinction” vede per la terza volta Milla Jovovich nei panni della protagonista Alice. Arrivati a questo episodio non si può non notare come la saga sia praticamente un lavoro “autoriale”...
5.6
PinResident Evil Afterlife
Resident Evil Afterlife – Non c’è sceneggitura nel vuoto Quarto appuntamento con le avventure di Alice con questo “Resident Evil Afterlife” che per l’ennesima volta, dovrà sopravvivere a orde di morti viventi e al tempo stesso salvare un po’ di superstiti. La civiltà come la conosciamo oggi è ormai estinta,...
5.5
PinRetribution
Quinto capitolo della saga e continuazione diretta del precedente. Avevamo lasciato la protagonista, Alice, durante uno scontro sulla nave mercantile Arcadia. Fatta prigioniera si risveglia in una struttura segreta della Umbrella. Grazie ad un intervento esterno riuscirà a liberarsi e comincerà una corsa senza sosta per uscire da quel posto....
5.7
PinFinal
Il mondo è distrutto, dilaniato dalla piaga del virus “T” che ha condannato all’estinzione la quasi totalità degli esseri viventi, i pochi rimasti tentano di sopravvivere e respingere gli assalti dei mostri creati dall’arma biologica fuoriuscita dai laboratori della Umbrella. In mezzo a questa devastazione Alice (ancora una volta Milla...

Top 3 ultimo mese