Urban Legend

Sulla scia del successo di “Scream” nasce “Urban Legend”, diretto da Jamie Blanks, film che tenta di bissare il successo della pellicola di Craven replicandone alcune idee, tra cui l’impianto puramente slhasher. Ambientato in un campus universitario americano che molti anni prima fu teatro un terribile massacro, la storia concentra le sue attenzioni su Natalie Simon (Alicia Witt), che assieme al suo gruppo di amici sembra essere stata presa di mira da un maniaco omicida.

urban legend

Questo inizia a uccidere tutti coloro che hanno rapporti più o meno stretti con Natalie, mediante omicidi che si rifanno alle cosiddette leggende metropolitane, dei racconti di folclore in cui è difficile tracciare il confine tra reale e fantastico. Mentre Natalie aiutata dal giovane giornalista Paul (Jared Leto) e l’amica Brenda (Rebecca Gayheart), tenta di capire chi sia l’assassino, quest’ultimo si prepara a replicare il massacro del campus avvenuto venticinquenne anni prima, divenuto con il tempo una leggenda metropolitana.

urban legend

Fin dall’inizio “Urban Legend” gioca a carte scoperte, non fingendo di essere altro se non un clone di “Scream”, mettendo in mostra la sua derivata realizzazione. Jamie Blanks al suo secondo lungometraggio firma anche il suo film più riuscito, delineando così una carriera di mestiere dalla qualità altalenante. Il cast scelto più per doti estetiche che attoriali, funziona perfettamente come carne da macello per l’ennesimo assassino mascherato. “Urban Legend” porta sullo schermo senza grosse pretese uno spettacolo gradevole ma dal fiato decisamente corto. E’veramente difficile appassionarsi alla protagonista o a uno dei vari comprimari, tanto sono abbozzati e poco sviluppati anche per via del corto minutaggio del film.

urban legend

Se “Scream” ironizzava sulla morte dello slasher mettendone a nudo i meccanismi che negli anni ’80 ne decretarono il successo, “Urban Legend” è così avaro di umorismo che verso la fine regala più di qualche risata involontaria. Gli amanti del genere o comunque di produzioni simili, troveranno più di qualche motivo per apprezzarlo, magari trasformandolo pure in un cult personale. Tutti gli altri invece si ritroveranno di fronte ad un film privo di qualsivoglia personalità, ma che si lascia ugualmente vedere, regalando allo sguardo uno spettacolo leggero per passare un po’ di tempo con un titolo di puro disimpegno.

Dove Vedere Urban Legend
Urban Legend
Urban Legend
5.8
Acquistalo su
Solomon Kane
Successivo
Solomon Kane