Ritorno al futuro

Ritorno al futuro – Ritorno a casa

Marty è un ragazzo con la passione per la musica figlio, di un padre senza spina dorsale e madre conservatrice. Doc è uno scienziato maldestro dalle idee brillanti. I due sono amici e Marty segue il Dottor Brown in tutte le sue avventure, ma questa volta sembra proprio che qualcosa stia cambiando. Doc infatti riesce a costruire una macchina in grado di far viaggiare chiunque nel tempo, non importa se si vuole vedere il futuro o fare un viaggio nel passato, l’invenzione questa volta funziona e non resta altro che scatenare la fantasia. La sera del collaudo i due vengono presi d’assalto da un gruppo terroristico che ucciderà Doc e costringerà Marty alla fuga a bordo della macchina del tempo.

Nonostante riesca a salvarsi si ritroverà catapultato, senza possibilità di tornare indietro, nel 1955 e grazie al Doc del passato inizierà una corsa contro il tempo per tornare alla sua epoca, il 1985. Fantascienza e fantasia si mescolano insieme grazie al regista Robert Zemeckis che trova nell’amico produttore Steven Spielberg il giusto compagno per realizzare l’incredibile, alzare un sipario sull’impossibile per renderlo probabile nella sua semplicità. “Ritorno al Futuro” è la corsa di un ragazzo desideroso di tornare a casa, un turista per caso obbligato suo malgrado a viaggiare su strade immaginarie, quelle temporali.

Lo spazio si piega a favore della fantasia creativa di una storia più complessa ed articolata di quanto non lasci intendere, ma grazie alla cura riposta nella stesura e messa in scena della vicenda (ma soprattutto alla perfetta calibrazione dei personaggi), il film diviene un contenitore ermetico di un mondo che vuole essere scoperto con gli occhi e il cuore. Un viaggio nel passato che modificherà con un inaspettato effetto domino il futuro, ricordando però che gli animi non cambiano con il tempo, le persone restano tali indipendentemente da ciò che li circonda.

Marty scoprirà quindi quanto sia importante credere in se stessi ed aiutare gli altri, ed allo stesso tempo tutte le figure del passato comprenderanno aspetti bizzarri di un futuro a loro ignaro. “Ritorno al futuro” è la messa in scena della teoria che vede il singolo individuo fare i conti con il passato per costruire un’avvenire, perché la metà sarà sempre irraggiungibile se non si conosce il punto di partenza. La pellicola di Zemeckis è costellata di buoni propositi, di giuste morali ma sa non essere mai retorica, divenendo così un film dalle tematiche universali resistente al tempo pronto per essere visto dallo spettatore di ogni generazione passata e futura.  

Dove Vedere Ritorno al futuro
Ritorno al futuro
Ritorno al futuro
8.8
Acquistalo su
Ghost Rider
Successivo
Ghost Rider

Top 3 ultimo mese

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: