Harry Potter e il calice di fuoco

Harry Potter e il calice di fuoco - Il thriller approda ad Hogwarts

Premessa: Chi scrive non ha mai letto una pagina scritta dalla Rowling, quindi l’analisi del film non tiene conto della qualità dell’adattamento, ma solo della pellicola che deve al di là di tagli o altro rispetto alla controparte cartacea essere fruibile ad ogni tipo di spettatore. La stessa conoscenza dei personaggi e luoghi dove essi agiscono è avvenuta attraverso la visione dei precedenti episodi cinematografici.

Quarto anno di scuola per i maghetti partoriti dalla penna inglese dell’autrice J.K.Rowling e per l’occasione la Warner decide di fare le cose in grande stile. Dopo un terzo episodio che ha convinto la critica ma diviso il pubblico, i produttori decidono di aumentare il budget globale e affidare il timone alle mani dell’inglese Mike Newell (Donnie Brasco, Mona Lisa Smile), regista che porta il peso di dover riportare la serie incontro ai gusti d’ogni tipo di pubblico. Il film inizia come i precedenti episodi all’inizio dell’anno scolastico, questa volta però veniamo proiettati direttamente nel vivo della storia, e ci si accorge da subito che il film prende una rotta completamente diversa dai precedenti episodi. Quest’anno a Hogwarts viene ospitato il torneo tre maghi al quale parteciperanno i migliori studenti delle più importanti scuole di magia del mondo.

Questo porterà ad Harry e compagni non poche gatte da pelare sia praticamente che moralmente, ma regalerà loro, come in ogni precedente capitolo, un spessoramento del loro bagaglio morale e culturale. Ma il pericolo si nasconde dietro ad ogni gesto e il nostro Potter finirà per dover anche questa volta affrontare le proprie paure e il ritorno di chi sapete voi. La saga del maghetto e compagni ha un’invidiabile punto di forza che risiede nell’essere un racconto di formazione classico, ma dipanato in un lasso di tempo ampio in modo da poter vedere lo sviluppo dei personaggi in modo molto curato e profondo, non dovendo focalizzare tutto lo sforzo narrativo in un solo periodo della vita dei protagonisti. Questo doveva essere ben chiaro ai precedenti registi della saga, ma è una cosa rimasta almeno in parte completamente dimenticata da Mike Newell nuovo traghettaore della serie, qui alle prese con una produzione talmente grande che gli deve essere stata veramente pesante da portare a termine. Infatti il film per quanto qualitativamente pari se non superiore ai precedenti, a livello narrativo tenta di creare una sorta di linea mediana tra la spettacolarità utilizzata da Chris Columbus nei primi due episodi, e lo sviluppo emotivo adottato da Alfonso Cuaron nel bistrattato terzo episodio.

Ma l’intento di conciliare questi due tipi di approcci alla storia, non si sposa con la struttura da thriller messa in scena ad hoc che regala i suoi migliori momenti nelle scene d’azione dall’alto contenuto spettacolare, per finire azzoppata proprio quando i personaggi si trovano a dover mostrare al pubblico emozioni e chiaro/scuri dello loro personalità. Un vero peccato perché questo episodio grazie ai temi trattati che sono principalmente l’amore e l’odio, che affiancano quelli costanti di tutta la saga ossia la paura e l’amicizia, aveva tutte le carte in regola per regalare una storia indimenticabile agli spettatori di tutte le età, invece a conti fatti rimane il rimpianto di un film buono ma incompiuto e soprattutto non compatto ma bensì a compartimenti stagni, che non trova nel montaggio e tanto meno nella colonna sonora un valido aiuto per far dimenticare i punti deboli della struttura. Non tutto però è da buttare via, infatti i protagonisti sono tutti perfettamente, finalmente, calati nelle rispettive parti e vedere Ralph Phiennes che con la sola espressività dello sguardo riesce a bucare lo schermo con il suo personaggio da solo vale il prezzo del biglietto. Un film che farà impazzire i fan, annoiare un po’ di più chi non ha letto il libro in quanto questi si troveranno di fronte un film d’intrattenimento troppo fine a se stesso, che si lascia delicatamente dimenticare una volta accese le luci in sala.

calice
Harry Potter e il calice di fuoco
7.5
Acquistalo su

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.