Macchine Mortali – 1 MINUTO

A seguito di una catastrofe chiamata “la guerra dei 60 minuti”, il pianeta terra ha profondamente cambiato la sua morfologia. Le città come le conosciamo sono scomparse e sostituite da controparti motorizzate che vagano per queste lande desolate attaccando quelle più piccole inglobandole al proprio interno. Tra tutte le fortificazioni su ruote, quella più temute è Londra capitanata da Thaddeus Valentine, il quale brama sempre maggior potere. Un giorno incrocerà la sua vita con quella di Hester Shaw, ragazza dal passato oscuro decisa a ucciderlo per vendicare la morte della madre. Seguiremo quindi l’epopea vendicativa di quest’ultima in questo mondo post apocalittico steampunk, scoprendo alcune verità sul suo passato e cosa si nasconde dietro la sete di potere di Valentine.

macchine

Esempio lampante di occasione sprecata il film diretto da Christian Rivers può contare su un team produttivo che vuole trasporre al meglio questa saga letteraria, ma che non riesce a trovare una propria identità tale da rendere il racconto interessante. “Macchine Mortali” è un film tecnicamente sbalorditivo, che compie la scelta di inscenare un futuro steampunk “pulito”, ma che ha una storia fin troppo derivata da altre pellicole del genere. I produttori, tra cui Peter Jackson (qui regista della seconda unità), si ritrovano tra le mani una saga che potrebbe rivelarsi remunerativa quanto quella di “Hngher Games”, ma purtroppo nonostante gli sforzi ed il budget a disposizione non riesce minimamene ad appassionare. Il racconto che si sviluppa con ritmo sostenuto paga lo scotto di essere troppo prevedibile e come dicevamo prima, derivato. Non bastano un buon cast, degli effetti speciali sontuosi e un buon montaggio per salvare lo sguardo da un nemico mortale: la noia. Chi però cercasse uno spettacolo visivamente riuscito nonostante la carenza di “Anima” troverà in “Macchine Mortali” un nuovo cult personale.

macchine-mortali-cinefilopigro
Macchine Mortali – 1 MINUTO
6
Acquistalo su